Orari Messe, Confessioni, Segreteria

Sante Messe:

Feriali

Ore 8:15

Prefestive

Ore 18:00

Festive

Ore 7:30, 10:30, 18:00

- Ulteriori Dettagli -


 

 

Chiese

 


 

All'ombra dei campanili - 10/12/2017

Carissimi,

mi sembra utile richiamare una festa che nel nostro rito si celebrerà sabato 16 dicembre: la commemorazione dell’annuncio a san Giuseppe.

San Carlo Borromeo aveva collocato la festa di San Giuseppe a metà dicembre per inserirla nel tempo di Avvento e natalizio. In un secondo tempo però la festa è stata adeguata a quella del rito romano e fissata il 19 marzo.

La Riforma del Rito ambrosiano avvenuta nel 2010, ha voluto ricollocare la memoria di San Giuseppe nel tempo natalizio e l’ha fatta coincidere con l’inizio della Novena del santo Natale (16 dicembre), oggi chiamato ‘Tempo dell’Accolto’.

 

La Madonna e San Giuseppe sono le creature che più hanno partecipato alla nascita di Gesù ed è quindi doveroso ricordarle e invocarle perché aiutino anche noi a prepararci bene al Natale.

San Giuseppe è poco conosciuto e invocato, mentre ha una grande importanza nella vita di Gesù e nostra. Nel brano di vangelo di Matteo è chiamato ‘l’uomo giusto’, dove la parola ‘giusto’ significa ‘santo’. Se la Madonna è chiamata ‘la santissima Madre’ di Gesù, San Giuseppe viene subito dopo nella santità, in quanto è stato il padre putativo, ossia il custode, l’educatore di Gesù in quanto Uomo. E’ San Giuseppe che ha insegnato a Gesù a fare il falegname, a rapportarsi con le persone, a frequentare la Sinagoga, a pregare in famiglia.

 

Il Vangelo dice che ‘quando San Giuseppe si destò dal sonno fece come gli aveva ordinato l’angelo del Signore e prese con sé la sua sposa’.

La Chiesa venera San Giuseppe come suo patrono particolare, oltre a venerarlo come patrono dei papà, dei giovani fidanzati e delle giovani coppie, delle famiglie, patrono dei lavoratori e dei moribondi.

 

La devozione a San Giuseppe è tutta da riscoprire ed è il Santo da invocare ogni giorno, insieme a Gesù e a Maria, ricordando la bella giaculatoria:

Gesù, Giuseppe e Maria vi dono il cuore e l’anima mia. Gesù, Giuseppe e Maria assistetemi nell’ultima mia agonia. Gesù, Giuseppe e Maria spiri in pace con voi l’anima mia. Gesù, Giuseppe e Maria, fate che per sempre con voi io sia.

 

Così inizia la Novena del Natale, ossia tempo in cui noi cristiani ci prepariamo ad accogliere Gesù. I 9 giorni del ‘Tempo dell’Accolto’ o della Novena, sono come i 40 giorni del Tempo di Avvento ristretti. Chi ha “sonnecchiato” nel Tempo di Avvento, può rifarsi in questi 9 giorni.

 

Il modo migliore per accogliere Gesù è quello di purificare il nostro cuore con la preghiera più sincera, e con qualche atto di carità verso i poveri, perché Gesù nel Suo Natale ha voluto circondarsi proprio degli ultimi.

 

Preghiamo Maria e San Giuseppe che ci aiutino a prepararci bene al Natale, in modo che sia per ciascuno di noi un vero “Santo” Natale.

 

Buon proseguimento, don Fabrizio

Login